Nuova numerazione fatture di vendita

CIRCOLARE 1 del 8/01/2013

 

Legge di stabilità 2013 – Nuova numerazione fatture di vendita

 

A decorrere dal 1° gennaio 2013, a seguito dell’entrata in vigore della Legge di stabilità 2013 che ha recepito la direttiva 2010/45/UE, tutte le fatture emesse dovranno contenere le indicazioni previste dal riformulato articolo 21 del decreto Iva il quale, tra l’altro, prevede che ognuna deve evidenziare un “numero progressivo che la identifichi
in modo univoco”.

In attesa che l’Agenzia delle Entrate dirami delle circolari e/o provvedimenti utili al chiarimento delle modifiche introdotte alla disciplina iva sulle fatturazioni ci si dovrà adeguare.

In linea di principio, dunque, vi sono due modalità per ottemperare a tale precetto:
1) la numerazione delle fatture è progressiva sino alla estinzione del soggetto emittente.

Esempio: fattura n. 35 del 31/12/2012; fattura n. 36 del 1/1/2013 e così a seguire;
2) la numerazione è progressiva (solo) nell’ambito del medesimo anno, ma va univocamente individuato il numero di fattura. Esempio: fattura n.1/2013 del 1 gennaio 2013; fattura n. 2/2013 del 7 gennaio 2013.

Si sottolinea, come risulta evidente, che numero della fattura e data della fattura sono due elementi diversi.

Nell’ipotesi in cui il soggetto dovesse gestire per le fatture di vendita dei sezionali, il predetto principio deve essere osservato per ogni sezionale.

Sull’argomento è necessario un chiarimento dell’Agenzia delle Entrate peraltro già richiesto dalle case produttrici di software.

Visti i tempi ristretti dell’entrata in vigore della norma, si consiglia, per le fatture già emesse, di aggiungere a mano …../2013 o ……/13, per quelle da emettere, scegliere la forma a Voi più consona.